Percorso

Nel mese di novembre le classi quarte della scuola primaria di Zambana hanno intrapreso un progetto di Coding-Robotica con Lego WeDo 2.0 che proseguirà nel corso di questo anno scolastico.
Lego WeDo 2.0 è un set composto da mattoncini LEGO , sensori, motori, hub Bluetooth e da un'app di programmazione. Si basa su un approccio didattico che coinvolge attivamente i bambini nel loro processo di apprendimento e promuove pensiero computazionale, problem solving, competenze digitali, lavoro di gruppo e capacità di comunicazione e collaborazione.
Unisce la magia dei mattoncini Lego all'elevato potere educativo di coding e  materie STEM e incoraggia i bambini a costruire personalmente robot sempre nuovi e a programmarli.
Inoltre i bambini si sono divertiti anche in italiano a scrivere dei testi descrittivi di tipo fantastico utilizzando aggettivi e similitudini per descrivere il robot creato.
 
 
 

Anche quest’anno si è concluso l’evento: #Io leggo perché, un’iniziativa nazionale dell’Associazione Italiana Editori per promuovere la lettura, che coinvolge lettori di ogni età, librerie e scuole. La Scuola primaria “Don Grazioli”, attraverso il gemellaggio con la libreria La Pulce d’acqua di Lavis, grazie alla generosità delle famiglie e dei cittadini, ha potuto ricevere in dono 50 nuovi libri per la biblioteca scolastica.

Nel periodo in cui si è svolto l’evento, gli alunni sono stati coinvolti in “immersioni letterarie”, indagini sulla lettura, interviste ai cittadini, Cut – Up letterari in libreria, letture in classe da parte di una mamma lettrice e in cortile da parte dei grandi di classe quinta per i piccoli di classe prima.

La classe 4A, nell'ambito del programma di storia che ha affrontato la nascita della scrittura e i pittogrammi, ha avuto l'opportunità di avvicinarsi alla scrittura del cinese moderno grazie alla mediazione della professoressa Roberta Dallabetta che, con l'aiuto di quattro studentesse, ha portato agli alunni esempi di caratteri e suoni di questa lingua così diversa dalla nostra. Pennelli in mano, come scolari cinesi, i bambini si sono cimentati nell'ardua scrittura!

 

Nell'ambito del progetto "Evitiamo di sporcare il mondo" le classi quarte delle scuole primarie di Lavis e Pressano, accompagnate dall'assessore all'Ambiente del comune di Lavis, Castellan, si sono recate in visita a "Riciclo Trentino" che, con 40 mila tonnellate all'anno è un'azienda locale leader nella raccolta di plastica e vetro in Trentino.

In essa, gli imballaggi di plastica vengono separati dall'alluminio o dall'acciaio e dal vetro a cui segue un'ulteriore selezione degli imballaggi in plastica.

Questo perchè, in diverse zone in diversi periodi dell'anno, si effettua una raccolta dei rifiuti differenziati non sempre ottimale; in altre parole, non sempre mettiamo nel bidone giusto il rifiuto giusto!

Ciò comporta del lavoro in più per gli operatori del settore e i costi aggiuntivi andranno poi a ricadere sui cittadini.

Le imponenti montagne di materiali prima e dopo lo smistamento che abbiamo avuto l'opportunità di vedere, ci hanno portato a riflettere sull'importanza di mettere in atto azioni volte a prevenire la produzione di rifiuti, ogniqualvolta è possibile farlo, nonchè di prestare maggiore attenzione a differenziare correttamente i rifiuti.